Virginia Elena Patrone

Ethic and aesthetic: the lonely pathway of beauty/ Etica ed estetica: la via solitaria della bellezza

(Segue a quello inglese il testo in italiano)

I wrote this article some time ago and never published it. I’ve recently found it again and I thought to share it here in my blog.

I live in Turkey but in mid-December I returned to Italy -as a monotonous good daughter would- to celebrate Christmas with father and brother. In those days, together with my wife Çide and my dad, we went for a walk on the uplands of Genoa, where he went before and he told me there was an abandoned village where a guy lives alone. I never expected to find what I saw here so out of the world.

 

Canate

Passing through the woods, flying over stretches of hills immersed in the fog, after two hours of hiking we arrived at our destination, a village suspended in a timeless place, in the middle of the forest, with no road that we would call as a such today to get there but only a pathway. In reality this place was inhabited until the fifties, because it was still quite normal at the time to live so far from everything: a teacher reached the still open and functioning school on the back of a mule, many of the men living in this village worked at the port of Genoa, and they used to spend two hours by walking in the woods every morning to go get the bus, to then arrive at the port and start their daily job -load and unload the cargo ships- and then return back home by bus and by another two hours walking. Then, in the seventies, the place became uninhabited even if some people continued to cultivate their vegetable garden there, and the street lamps used to work if someone was calling the Enel (the Italian body for electricity) asking to turn it on. It is said that there was a lot of cooperation among the inhabitants, for example, if they would found a sack full of something along the path belonging to someone from the village, who first was passing along the way was taking it to its final destination.

 

Meeting Francesco

When we arrived, Francesco welcomed us and offered us coffee. He is the soul of this place and meeting with him was very special. It has been ten years that he decided to leave the city and move into the mountains, he has some goats that give him milk, hens for eggs, and a fenced garden where he grows seasonal vegetables and herbs. “I’m not a hermit,” he says, “I’m a free man.” He has only one fear: the wolves that have begun to repopulate the area, and which represent a danger for his animals. He has restored one of the houses where he now lives with his books, he has cleaned up the pathways and rearranged the spring where now we can drink amazing fresh water, and he lives, winter and summer, alone in the middle of the nature.

 

“The world is a crazy machine, I don’t want to think where it will end up! I carry on my life in the best way possible for me, it’s not always easy, but it’s what I want” he says, while we drink our coffee.

Meanwhile we are in his kitchen, I look around and I check some photos he hanged on the wall. I ask questions and he answers me with evident pleasure. An old photo depicts two women, he tells me that they are mother and daughter from the village, two partisan, who during the Second World War helped in the battle against the fascists, hiding partisans and anyone in danger, even jeopardizing the their own life. “I don’t want them to be forgotten”, he said. Then another picture always on the same wall portray few Kurdish female guerrillas. In fact, when I told him that I live in Turkey, he asks me with a smile: “Where? In Kurdistan? “And I say no, that I live near Çanakkale, which is near Troy. “Ah,” he says, “I would like to go to Turkey, but I want to go to Kurdistan!” He says he is in favour of anyone fighting for justice and freedom. Of course, I’m amazed because I never expected to find a man as Francesco in the middle of the woods, but he keeps talking about politics and about his ideals and choices, then he quotes Hikmet and Gibran. I tell him that I too would like to live like him. “Come whenever you want – he answer – I host you in one of the rooms upstairs, anyway I sleep in the barn. But do not call it internship, please, just come!”

He does not know much about me, and he says so because I don’t think he can guess that my life is already not so very far from his own, even if not so isolated and extreme.

“Virginia, I choose to be here because here I live a real life. I see real things, I eat real things, I do not need almost anything that does not come from here – he says – We, people like us, we might not win. But we are beautiful, this are what we are. ”

 

The miracle of life

Before starting our way back, we go to one of the stables, where a goat was born just the day before. He calls them all by name, he says that because of the wolves now he wants them to give birth in the barn, because otherwise they immediately would have a bad ending. He takes a very small black goat and puts her in my arms. I feel her heart beating over my chest, I feel that this is life that continues and I am moved. Then, before saying goodbye, he hands us a paper bag: “I have put some eggs here for you”. They are hen’s eggs, very, very small, I am so thankful that I don’t know how to thank him, and I feel so grateful for his immense hospitality. I take the eggs and I hug him. Then Çide tells me: “You see, as always, those who have less are the ones ready to share more”.

And then I still think about his sentence: “… maybe we will not win… but we are beautiful” and I feel it more and more real and strong inside myself.

 

Images by the author.

______________________________________________________________________________________

 

Abito in Turchia ma a metà dicembre sono ritornata in Italia come una brava figlia per festeggiare il Natale con padre e fratello. In quei giorni, insieme a mio papà e a mia moglie Çide, siamo andati a fare una camminata sulle alture di Genova, dove lui mi aveva detto esserci un paese abbandonato dove un ragazzo vive da solo. Mai mi sarei aspettata di trovare quello che ho visto in questo posto così fuori dal mondo.

Canate

Passando nel mezzo del bosco, sorvolando distese di colline immerse nella nebbia dopo due ore di gita siamo arrivati alla nostra meta, un villaggio sospeso in un posto senza tempo, nel mezzo della foresta, senza una strada che noi oggi considereremo tale per arrivarci. In realtà questo posto è stato abitato sino agli anni cinquanta, perché era ancora normale all’epoca vivere così distanti da tutto: una maestra raggiungeva la scuola ancora aperta e funzionante a dorso di mulo, molti degli uomini abitanti di questo villaggio lavoravano al porto di Genova, e facevano due ore di camminata nel bosco ogni mattina per andare a prendere l’autobus, entrare in servizio, scaricare e caricare le navi mercantili e poi ritornare finendo la giornata con altre due ore di cammino. Poi negli anni settanta il paese è stato disabitato anche se alcuni continuavano a coltivare l’orto, e il lampione funzionava se si chiamava l’Enel (l’ente italiano della corrente elettrica). Dicevano inoltre, che essendoci molta collaborazione tra di gli abitanti, se per esempio trovavano un sacco lungo la via appartenente a qualcuno del villaggio che lo aveva lasciato lì per poi passarlo a prendere in seguito, chi per primo passava lo portava a destinazione.

 

L’incontro con Francesco

Quando siamo arrivati, ci ha accolto Francesco, l’unico abitante, e ci ha offerto un caffè. Francesco è questo ragazzo che da solo vive ora al villaggio, è l’anima di questo posto: un incontro davvero speciale. Da dieci anni ha scelto di lasciare la città e di trasferirsi in mezzo alle montagne, ha qualche capra che gli da latte, delle galline per le uova, un orto recintato dove coltiva verdure di stagione e erbe aromatiche. “Non sono un eremita,-dice- sono un uomo libero”. Ha solo una paura: i lupi che hanno cominciato a ripopolare la zona, e che sono un pericolo per i suoi animali. Ha rimesso a posto una delle casa dove lui ora vive insieme ai suoi libri, ha ripulito i sentieri e risistemato la sorgente dove ora si può assaporare un’acqua freschissima, e vive così, d’inverno e d’estate, solo in mezzo alla natura.

“Il mondo è una macchina impazzita! Io porto avanti la ma vita come meglio credo, non è sempre facile, ma è quello che voglio”, dice mentre ci apprestiamo a bere il nostro caffè. Nel frattempo nella sua cucina noto alcune fotografie. Faccio domande e lui mi risponde con evidente piacere. Una foto dall’aria reterò ritrae due donne, lui mi spiega che sono madre e figlia, originarie del villaggio, partigiane, che durante la seconda guerra mondiale aiutavano nella battaglia contro i fascisti, nascondevano partigiani e chiunque fosse in pericolo, mettendo a repentaglio la loro stessa vita. Poi un’altra foto sempre sullo stesso muro ritrae delle guerrigliere Curde. Infatti, quando gli dico che abito in Turchia mi chiede sorridendo: “Dove? In Curdistan?” E io gli dico no, che abito vicino a Çanakkale, che è vicino a Troia. “Ah, -mi dice- io vorrei andare in Turchia, ma voglio andare in Curdistan!” Dice di essere a favore di chiunque lotti per la giustizia e per la libertà. Certo, sono spiazzata perché mai mi sarei aspettata di trovare un uomo così sperduto nel bosco, ma lui continua a parlare di politica e dei suoi ideali, poi cita Hikmet e Gibran. Gli dico che anch’io vorrei vivere come lui. “Vieni quando vuoi – mi risponde- ti ospito in una delle camere della casa, io intanto dormo nella stalla. Ma non chiamarlo tirocinio, per favore, vieni e basta!”

Lui non sa molto di me, e dice così perché non credo si possa aspettare che la mia vita sia già ora così lontana dalla sua, anche s non così isolata ed estrema.

 

“Virginia, io vivo una vita vera. Vedo cose vere, mangio cose vere, non ho bisogno quasi di niente che non venga da qui – mi dice- Noi non vinceremo mai. Ma siamo belli, questo sì”.

 

Il miracolo della vita

Prima di riprendere la marcia, andiamo in una delle stalle, dove il giorno prima era nata una capretta. Lui le chiama tutte per nome, dice che per via dei lupi ora le fa partorire nella stalla, perché altrimenti fanno subito una brutta fine. Prende una capretta nera, piccolissima, e me la mette in braccio. Sento il suo cuore battere sopra il mio petto, sento che è la vita che continua e mi commuovo. Poi, prima di salutarci, ci porge un pacchetto di carta: “Vi ho messo qui alcune uova, sono di oggi” Sono uova di gallina, piccolissime, non so come ringraziarlo, e gli sono grata per questa sua immensa ospitalità. Prendo le uova e lo abbraccio. La Çide mi dice: Vedi, come sempre sono quelli che hanno meno che sono pronti a dare di più”

 

E allora io penso ancora la sua frase: “..forse non vinceremo, ma siamo belli” e la sento sempre più vera e forte dentro di me.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *