Virginia Elena Patrone

Editorial for 2018

(Scroll down for English text)

Cari lettori matriarcali e non :),

Questo che leggete è il primo post che scrivo quest’anno nel quale voglio illustrare un po’ quali sono i mie progetti per il 2018, che ormai è iniziato da più di un mese.

Intanto io sono stata in Italia, sono tornata e sono ora felice di essere qui e ricominciare a lavorare ai miei progetti.

Innanzi tutto il mio libro “Dolce Vegan” – un libro di ricette vegetaliane di dolci da ingredienti autoprodotti – il 2 di febbraio è stato pubblicato da Kolektif Kitap, in Turchia e in lingua turca, quindi la sua lettura interessa per ora solo a chi parla turco. In ogni caso sono molto felice di questo traguardo, dato che è il coronamento di diversi anni in cui ho portato avanti il mio blog Veganbul, dove ho cercato di creare delle ricetti vegan facili, da ingredienti autoprodotti, facilmente reperibili e poco costosi a Istanbul. Veganbul non è stato più aggiornato da quando mi sono trasferita e non abito più a Istanbul, e anche per il fatto che ho deciso di coniugare sotto un ombrello comune alcuni dei mie diversi interessi su cui scrivo qui su virigniaelenapatrone.com.

Verso la fine della prossima settimana (cioè dal 24 di Febbraio 2018) dovrei essere a Istanbul per parlare e promuovere il mio libro, però su questo non ho ancora notizie certe a riguardo, quando le avrò scriverò qui per chi fosse interessato.

A maggio 2018 dovrebbe uscire un nuovo libro, una favola per adulti illustrata. Il libro, dal titolo: “Josephine/A pathway to freedom” sarà pubblicato inizialmente in Inglese, e poi spero anche in altre lingue. Qui la preview su Amazon.

Per quanto riguarda il blog, ho deciso che sarà scritto in due lingue, in Italiano e Inglese, questo perché ci tengo a far sì che il più ampio numero di persone possa leggere i miei post, e inoltre perché i mie libri essendo pubblicati in lingue diverse dall’Italiano, vorrei che i miei lettori che non parlano italiano possano anche leggere gli articoli che pubblico qui.

Ho intensione di creare diverse rubriche per questo blog, una di queste è intitolata “Donne extra-ordinare”, che parli di donne che hanno saputo intraprendere strade non battute in precedenza per seguire la loro ispirazione ed evoluzione personale.

Alcune tra le prime di cui parlerò sono Eileen Kramer, una ballerina che non ha mai smesso di fare quello che più ama su questa terra, danzare, anche ora che ha compiuto 103 anni. La signorina Bickley, all’anagrafe Olga Delfina Bickley donna anglo-italiana cresciuta a Genova, su cui sto anche scrivendo e illustrando una graphic novel.

In un’altra rubrica che ho in mente di scrivere, voglio mettere due libri diversissimi a confronto. Il primo articolo di questa serie metterà a raffronto “Orlando” di Virginia Woolf con “Zero Waste Home” di Bea Johnson: cosa hanno in comune questi due libri?

In oltre in altri post vorrei parlare di feste pagane e di film, oltre che di argomenti che di volta in volta reputerò essere urgenti e importanti.

Dato che ho deciso che d’ora in poi questo blog sarà bilingue, e la cosa mi richiede più tempo, pubblicherò con meno frequenza rispetto a prima, quando cercavo di avere un ritmo di un articolo a settimana.

Questo per ora è tutto, a presto.

Vi auguro delle giornate bellissime,

Virginia

 

*******************************************************

Dear matriarchal souls :),

What you are reading right now is the first piece of this year in which I want to illustrate a little what are my plans for this new 2018, which has now begun for more than a month.

Meanwhile, I was in Italy, I came back and I’m happy to be here and start working on my projects again.

First of all my book “Dolce Vegan” – a cookbook of vegan desserts from home made ingredients – has been published on February by Kolektif Kitap, in Turkey and in Turkish, so its reading interests only Turkish speakers. In any case I am very glad about this, because it is the crowning of several years in which I carried on writing my blog Veganbul, publishing a great number of recipes where I tried to create easy vegan dishes from home made ingredients, easily available and affordable in Istanbul. Veganbul has not been updated since I moved out of Istanbul, and also because I decided to combine under a common umbrella some of my different interests on which I write here on virigniaelenapatrone.com.

Towards the end of the next week (from February 24th) I should be in Istanbul to talk and promote my book, but I still have no certain news about it, so when I will know something more I will write it write here for those interested.

In May 2018 a new book should be published, an illustrated story fro adult. The book, entitled “Josephine/A pathway to freedom” will initially be published in English, and then I hope also in other languages.

Regarding the blog, I decided that it will be written in two languages, in Italian and English, because I want to make sure that the largest number of people can read my posts, and also because my books are published in languages different from Italian (for now) and I would like my not-Italian speaker readers to be able to read the articles I publish here.

I intend to create several new columns for this blog, one of which is entitled “Extra-Ordinary Women“, which speaks about women who had the courage to undertake different and unexpected paths in life to follow their personal inspiration and evolution.

Some of the first ones I will talk about are Eileen Kramer, a dancer who has never stopped doing what she loves the most on this Earth,  dancing, even now that she is 103 years old. Another article will briefly speak about Miss Bickley, or Olga Delfina Bickley, an Anglo-Italian woman who grew up in Genoa, on whom I just started to also write and illustrate a graphic novel.

In another column that I have in mind to write, I want to compare two very different books, and see the result. The first article of this series will compare Virginia Woolf’s “Orlando” with “Zero Waste Home” by Bea Johnson: what do these two books have in common? You will see! 🙂

In addition to other posts I would like to talk about pagan festivals and movies, as well as topics that from time to time I will consider urgent and important.

Since I decided that from now on this blog will be bilingual, and it takes more time, I will publish less frequently than before, when I was trying to get a rhythm of one article a week.

So that’s all for now, but I will write here soon again!

Have great days,

Virginia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *