Virginia Elena Patrone

Comparing two very distant books, experiment #1 “Zero Waste Home” and “Orlando”

(scorrere verso il basso per leggere l’articolo in italiano)

It’s some time now that I am trying to reduce the amount of trash and the use of plastic in my daily life. My goal is to become Zero Waste, and there are some simple precautions to keep in mind in order to avoid using superfluous plastic bags, food packaging, pads for period, and so on, as to reduce almost to zero the quantity of garbage, while recycling what can be recycled and composting the biological waste.

Still, personally, I cannot say to be “zero waste”, but I find myself in a moment of transaction, during a process that will lead me to be as close as I can be to the to zero waste idea. The reasons why I want to adopt this lifestyle are many, but firstly because I would like the earth, mother of everything and everyone, to be protected by the huge amount of trash that is produced and poured into the environment every day. The waste is one of the main problems of our time. Just to give an example, in the Pacific there is an island of wasted plastic material as big as Turkey, that covers the waters of the ocean causing not only the death of a huge amount of marine and volatile animals, but also depriving us of a large area useful for the production and recycling of oxygen of the Earth.

The problem of plastic in the ocean.

We are the society of the disposable objects, and consequently the society of waste. Certainly it is impressive to think that only few generations ago the problem of waste was not as urgent as it is today, indeed it was almost a not existing one. As a mater of facts, the nylon was invented in 1938 in the United States, while the plastic “moplen”, the one still used in the food packaging, was invented by Giulio Natta in Italy in 1954: an invention for which he also won the Nobel Prize! Of course, if we would go back maybe the moplen plastic wouldn’t win the Nobel prize (I really wish plastic was not invented at all! But yet for some reasons it is useful as for instance for the hospitals) even if I also believe that about an idea or a discovery it is also important the usage that is made out of it, and it is clear that the use of plastic got out of our hands. In the future I would like to write an article about what I do to make my life close to zero waste, but today I would like to compare two very different books: they are “Zero Waste Home” by Bea Johnson and “Orlando” by Virginia Woolf. What do these two books have in common?

In Orlando, one of my favorite books, Virginia Woolf tells the story of an androgynous character who is a man and then became a woman and a man again for several times during the book, in a story that unfolds over many centuries. Orlando, who at that point was a girl, in one of her experiences, is in the company of some gypsies, boasting with them of her rich origins, of the fact that she comes from a civilized society and that her family was composed of dukes, and who owned a house that had more than three hundred rooms. The gypsies look at her as if they were sympathetic, as if her descendants were nothing compared to theirs, who had built the pyramids and did not own a house and for this they felt that the whole earth was theirs. This episode made me think a lot about the concept of property and about what makes sure that what we personally own is treated with greater care than what it does not directly belong to us, because it belongs to all living beings, indiscriminately.

A day I was walking in a narrow street near my father’s house in Italy. I wondered if this road was owned by everyone, as it really is, and if there was not this difference in attitude between what “belongs to everyone” and what “it is only personal”, if it would be treated and regarded with more love, freed from the trash and cleaned by the weeds that grow on the side of the road.

I believe that this mentality that has led us today to a precarious situation of pollution of the environment, has seen its dawn far in the Iron Age, when from peaceful matrilineal and matriarchal societies that worshiped the goddess and perceived the earth as a living mother, the paradigm has slowly been reversed, laying the foundations for patriarchal societies, whose mentality is still at the base of the society of today and which perceives the earth as a non-living entity, from which life was born by … chance.

In the book of Bea Johnson, “Zero Waste Home”, the author explains what are the practices that she has used and uses every day to get to a practically Zero Waste life style (she also has a blog which talks about the same). And I see in her approach to everyday life an attempt to protect the whole earth, even that parts which we do not own personally, but which is home to fishes, birds, insects and mammals and that for all of them she procures life, oxygen and food. I think I feel, in Bea Johson approach, a new sensibility, similar to that of the gypsy in “Orlando”, where the earth is alive and she needs our protection and care, and a way of perceiving in which the less you personally own, the most you have.

Below there is a piece taken from “Orlando”, when Orlando speaks with the gypsies:

“Slowly, she began to feel that there was some difference between her and the gipsies which made her hesitate sometimes to marry and settle down among them for ever. At first she tried to account for it by saying that she came of an ancient and civilized race, whereas these gipsies were an ignorant people, not much better than savages. One night when they were questioning her about England she could not help with some pride

describing the house where she was born, how it had 365 bedrooms and had been in the possession of her family for four or five hundred years. Her ancestors were earls, or even dukes, she added. At this she noticed again that the gipsies were uneasy; but not angry as before when she had praised the beauty of nature. Now they were courteous, but concerned as people of fine breeding are when a stranger has been made to reveal his

low birth or poverty. Rustum followed her out of the tent alone and said that she need not mind if her father were a Duke, and possessed all the bedrooms and furniture that she described. They would none of them think the worse of her for that. Then she was seized with a shame that she had never felt before. It was clear that Rustum and the other gipsies thought a descent of four or five hundred years only the meanest possible. Their own families went back at least two or three thousand years. To the gipsy whose ancestors had built the Pyramids centuries before Christ was born, the genealogy of Howards and Plantagenets was no better and no worse than that of the Smiths and the Joneses: both were negligible. Moreover, where the shepherd boy had a lineage of such antiquity, there was nothing specially memorable or desirable in ancient birth; vagabonds and beggars

all shared it. And then, though he was too courteous to speak openly, it was clear that the gipsy thought that there was no more vulgar ambition than to possess bedrooms by the hundred (they were on top of a hill as they spoke; it was night; the mountains rose around them) when the whole earth is ours. Looked at from the gipsy point of view, a Duke, Orlando understood, was nothing but a profiteer or robber who snatched land and money from people who rated these things of little worth, and could think of nothing better to do than to build three hundred and sixty-five bedrooms when one was enough, and none was even better than one. She could not deny that her ancestors had accumulated field after field; house after house; honour after honour; yet had none of them been saints or heroes, or great benefactors of the human race. Nor could she counter the argument (Rustum was too much of a gentleman to press it, but she understood) that any man who did now what her ancestors had done three or four hundred years ago would be denounced–and by her own family most loudly–for a vulgar upstart, an adventurer, a nouveau riche.”

*******************************************************

(ITALIANO)

Due libri molto distanti a confronto: “Zero Rifiuti in Casa” e “Orlando”

È da tempo che cerco di ridurre la quantità di spazzatura e soprattutto l’uso di plastica nella mia vita quotidiana. Il mio obbiettivo è di condurre una vita Zero Waste, e ci sono degli accorgimenti semplici da tenere presente per evitare di usare sacchetti superflui, packaging di cibo, assorbenti, e così via in modo da ridurre quasi a zero la quantità di spazzatura prodotta, riciclando quello che può essere riciclato e compostando il rifiuto biologico.

Ancora, personalmente, non posso dire di non produrre del tutto spazzatura, però mi trovo per così dire in un momento di transazione di un processo alla fine del quale credo sarò quanto di più vicina allo zero rifiuti possibile. Le ragioni per cui voglio adottare questo stile di vita sono molteplici, ma in primo luogo perché vorrei che la terra, madre di tutto e di tutti, fosse protetta dall’enorme montagna di spazzatura che ogni giorno viene prodotta e riversata nell’ambiente, tanto che i rifiuti sono una delle problematiche principali del nostro tempo. Per fare un esempio, nel Pacifico c’è un’isola di materiale plastico di scarto grande quanto la Turchia che ricopre le acque dell’oceano, non solo provocando la morte di un’enorme quantità di animali marini e volatili, ma anche privandoci di un’ampia area utile per la produzione e il riciclo dell’ossigeno sulla terra.

Noi siamo la società dell’usa e getta, e di conseguenza la società dei rifiuti. Certo è impressionate pensare che solo poche generazioni fa il problema dei rifiuti non fosse così urgente come invece è oggi, e persino non esistesse del tutto, infatti il nailon è stato inventato nel 1938 negli Stati Uniti, mentre la plastica moplen, quella utilizzata tutt’ora nelle vaschette alimentari, è stata inventata da Giulio Natta nel 1954 in Italia, invenzione per cui ha pure vinto il premio Nobel! Certo, se tornassimo indietro forse il moplen non vincerebbe il Nobel, anche se credo che di un’idea o di una scoperta sia importante l’uso che se ne fa, ed è chiaro che l’uso della plastica ci sia davvero sfuggito di mano. In futuro mi piacerebbe parlare di quello che faccio per rendere la mia vita vicino allo zero rifiuti, oggi invece vorrei mettere due libri a confronto, due libri molto diversi tra loro: “Zero Rifiuto in Casa” di Bea a Johnson e “Orlando” di Virginia Woolf. Cos’hanno questi due libri in comune?

In Orlando, uno dei mie libri preferiti, Virginia Woolf racconta la storia di un personaggio androgino che da uomo diventa donna e di nuovo uomo per diverse volte durante il libro, in una storia che si snoda in diversi secoli. Orlando, che a quel punto era una ragazza, in una delle sue esperienze, si trova in compagnia di alcuni zingari, vantandosi con loro delle sue ricche origini, del fatto che venga da una società civilizzata e che la sua famiglia fosse composta da conti e duchi, e che avevano una casa di proprietà che contava più di trecento stanze. Gli zingari la guardano come se la compatissero, come se la sua discendenza di poche centinaia di anni non fosse nulla in confronto alla loro, che avevano costruito le piramidi e che non possedevano una casa o terreni, e per questo sentivano che tutta la terra era loro. Questo episodio mi ha fatto riflettere molto sul concetto di proprietà e sul cosa faccia sì che quello che possediamo personalmente venga trattato con molta più cura rispetto che non ci appartiene direttamente perché è di tutti gli esseri viventi, indistintamente.

Passeggiavo un giorno in una stradina vicino a casa di mio papà, in Italia, e mi chiedevo se questa strada fosse di tutti, come di fatto è, e se non esistesse però questa differenza di atteggiamento tra quello che “è di tutti” e quello che “è solo personale”, verrebbe curata e trattata con più amore, liberata dalla spazzatura e pulita dalle erbacce che nascono sui bordi della strada. Credo che questa mentalità che ci ha portato oggi a una situazione precaria d’inquinamento dell’ambiente, abbia visto gli albori nell’età del ferro, quando da società pacifiche matrilineari e matriarcali che adoravano la dea e percepivano la terra come una madre viva, il paradigma si sia lentamente invertito, mettendo le basi per le società patriarcali, la cui mentalità è ancora alla base della società in cui viviamo oggi e che sentono la terra come un’entità non viva, dalla quale ci si deve difendere e da cui è nata la vita per… caso.

Nel libro di Bea Johnson, “Zero Rifiuti in Casa”, l’autrice ci spiega quali sono le pratiche che lei ha utilizzato e utilizza per arrivare a uno stile di vita praticamente Zero Waste (come fa anche nel suo blog qui). Io vedo in questo suo approccio alla vita quotidiana un tentativo di proteggere la terra tutta, anche quella che non possediamo personalmente ma che è casa di pesci, uccelli, insetti e mammiferi e che per tutti procura vita, ossigeno e cibo per tutto. Mi sembra di sentire in questo suo approccio una sensibilità nuova, simile a quella dello zingaro in Orlando, in cui la terra è viva e ha bisogno della nostra protezione e cura, un modo d’intendere in cui meno possiedi più tutto il resto è tuo.

Di seguito un brano tratto da “Orlando” di Virginia Woolf, in cui Orlando ha a che fare con gli zingari:


“Lentamente Orlando incominciò a rendersi conto che tra lei e gli zingari qualcosa si frapponeva, che qualche volta la rendeva titubante di fronte alla prospettiva di un matrimonio, e ad una sistemazione definitiva nella tribù. Dapprima volle spiegarselo dicendosi che ella proveniva da una razza antica e civilizzata, mentre gli zingari erano gente rozza, poco più che selvaggi. Una sera, la fecero parlare sull’Inghilterra, ed ella, invasa da un certo orgoglio, non seppe fare a meno di descriver loro la casa dove era nata, la quale contava 365 stanze da letto, e apparteneva alla sua famiglia da quattro o cinquecento anni. I suoi antenati, aggiunse, erano conti, anzi, duchi. A queste parole, le parve che gli zingari diventassero di nuovo inquieti; ma non irritati come prima, quand’ella aveva lodato le bellezze della Natura. Ora, essi affettavano una cortesia un po’ sostenuta, come di gente d’alta nascita dinanzi a un forestiero, il quale sia stato costretto a rivelar le sue basse origini o la sua indigenza. Rustum seguì solo Orlando fuori della tenda, e le disse che non doveva crucciarsi se suo padre era un duca, e padrone di tutte quelle stanze e di tutti quei mobili di cui ella aveva parlato. Non per questo l’avrebbero tenuta in minor conto. Allora, una vergogna non mai provata prima di allora invase l’animo di Orlando. Agli occhi di Rustum e degli altri zingari, una discendenza di quattro o cinque secoli soltanto appariva una quisquilia. Le loro famiglie risalivano a due o tremila anni almeno. Per gli zingari, i cui antenati avevano innalzato le Piramidi, avanti la nascita di Cristo, le dinastie degli Howard e dei Plantageneti contavano tanto quanto quelle degli Smith e dei Jones: tutte quante erano ugualmente insignificanti. Di più: fra gente in mezzo a cui il pastorello poteva vantare un lignaggio di tanta antichità, qualche secolo più o meno di nobiltà non appariva cosa specialmente memorabile né desiderabile, quando il primo vagabondo o mendicante poteva ugualmente vantarsene. E poi – Rustum era troppo cortese per parlarne apertamente – era chiaro che per uno zingaro non c’era ambizione più volgare di quella di posseder delle stanze a centinaia (discorrendo erano giunti al sommo di una collina; era notte; i monti s’innalzavano loro d’attorno), quando la terra intera è nostra. Orlando capì che, dal punto di vista d’uno zingaro, un duca non era altro che un profittatore o un brigante, il quale strappava a forza la terra e il denaro a chi queste cose teneva in poco conto; e non sapeva immagi- nar nulla di più spassoso che costruire trecento e sessantacinque stanze, quando una ne bastava, anzi, qualche volta era anche di troppo. Orlando non poteva negare che i suoi antenati avessero accumulato la loro fortuna un pezzo di terra dopo l’altro; una casa dopo l’altra; un privilegio dopo l’altro; ma con ciò, non c’era tra di essi né un santo né un eroe, né un gran benefattore dell’umanità. Inoltre, era cosa che saltava agli occhi (Rustum, ancora una volta, era troppo signore per far valere quell’argomento, ma Orlando capì) che un uomo il quale avesse agito al giorno d’oggi come i suoi antenati di tre o quattrocento anni prima sarebbe stato tacciato – e più di tutti dalla sua stessa famiglia – di villan rifatto, di avventuriero e di nouveau riche.”

One thought on “Comparing two very distant books, experiment #1 “Zero Waste Home” and “Orlando”

  1. Usually I don’t read article on blogs, but I wish to say that this write-up very forced me to try and do it! Your writing style has been surprised me. Thanks, quite nice article.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *